Privacy Policy
 

Intervista all’On Laura Venittelli: “Valorizzare le peculiarità della nostra regione”.

On. Laura Venittelli

Laura Venitelli, avvocato termolese, presidente dell’assemblea regionale del PD (partito democratico), eletta parlamentare nella circoscrizione “Molise” nella XVII legislatura, vicepresidente della commissione giurisdizionale per il personale, componente della commissione agricoltura, della commissione lavoro pubblico e privato e della giunta delle elezioni, ha risposto ai quesiti che riporto, di seguito.

  • Dottoressa Venittelli, alla luce del risultato delle elezioni politiche dello scorso 4 marzo, che risultato si aspetta dall’imminente consultazione regionale?

Sicuramente un risultato migliore in termini percentuali, senza dire altro come pronostico.

La serietà con cui il candidato Carlo Veneziale ha interpretato questa campagna elettorale, soprattutto in discontinuità col recente passato, premierà sia il Pd che la coalizione.

 

  • Secondo Lei, quali sono state le mancanze, sotto l’aspetto politico e amministrativo, del governo regionale uscente?

La giunta regionale uscente paga lo scarso dialogo con le persone, forse avendo privilegiato la cortigianeria degli amministratori sul territorio, che poi peraltro hanno fatto altre scelte, non è stato dato il giusto peso ai territori e alla base.

Paga anche la lentezza con cui sono state portate avanti le questioni più socialmente rilevanti e un legame poco proficuo col Governo.

 

  •  Cosa andrebbe fatto, secondo Lei, per migliorare il sistema economico e lavorativo di questa regione?

Il Molise deve vivere e prosperare valorizzando il territorio, le sue peculiarità e questo è possibile solo con infrastrutture moderne, di carattere diffuso però, non faraoniche.

Una regione che può diventare un modello di sviluppo distrettuale, vista la sua dimensione, ma con tante gemme ancora grezze.

 

  •  Vista la situazione senza dubbio disastrosa delle strade del Molise, quali politiche andrebbero adottate per migliorare il sistema viario della nostra regione?

In realtà, parlando di infrastrutture diffuse è come se le avessi già risposto.

Non ha senso costruire una grande arteria che attraversi il Molise, se poi per recarsi nei borghi più belli e comunque nelle località che hanno bisogno di uscire dal quasi isolamento, si percorrono comunque provinciali indegne di questo nome.

 

  • Qual è il suo pensiero, sulle politiche per le persone diversamente abili, adottate dall’esecutivo regionale?

Si poteva fare di più, ci sono state leggi regionali impugnate di recente dal Consiglio dei Ministri.

Noi propendiamo per un maggiore tasso di inclusione attiva.

Va fatta una ricognizione seria sul fabbisogno e in base a quello che emerge, plasmare politiche socio-assistenziali, ma che rendano i percorsi dinamici e virtuosi, non statici.

Il diversamente abile deve sentirsi come una risorsa speciale, non un peso per la collettività.

Share

L’Università degli studi del Molise organizza il convegno dal titolo “Gli affreschi del castello di Gambatesa”.

Il dipartimento di scienze umanistiche, sociali e della formazione dell’ateneo molisano, organizza per domani, 19 aprile, al III° edificio polifunzionale a via De Gasperi a Campobasso, un seminario denominato “Gli affreschi del castello di Gambatesa”.
La giornata, è così strutturata:
Ore 15.00.
Apertura dei lavori ed indirizzi di saluti.
Prof. Gianmaria Palmieri (Magnifico Rettore);
Vincenzo Di Nuoscio (direttore dipartimento scienze umanistiche, sociali e della formazione);
Carlo Ebanista (delegato Unimol per i beni culturali);
Alessio Monciatti (Università del studi del Molise).
Ore 15.30.
Leandro Ventura (direttore istituto centrale per la demoetnoantropologia).
Virtù antiche e committenza moderna negli affreschi del castello Di Capua di Gambatesa.
Ore 16.00.
Anna Bisceglia (galleria degli Uffizi, Firenze).
Gli affreschi di Gambatesa nel contesto artistico meridionale: centro e periferia.
Ore 16.30.
Antonio Pinelli (Università degli studi di Firenze).
Donato De Cumbertino a Gambatesa: la transumanza inversa di un’ artista eccentrico che trasferì sui monti molisani affacciati sul Tavoliere, il singolare distillato dei suoi aggiornati itinerari figurativi, nella Roma farnesiana.
Ore 17.15.
Salvatore Monda (Università degli studi del Molise).
Vicende e figure ovidiane nel ciclo degli affreschi del castello di Gambatesa.
Ore 17.45.
Eliana Carrara (Università degli studi del Molise).
La bottega vasariana e la narrazione mitologica.
Ore 18.15.
Discussione.
Inoltre, venerdì 20 aprile, dalle 9.00 alle 12.00 è prevista una visita agli affreschi del maniero di Gambatesa.

Share

Incontro con il candidato consigliere Gianluca Cefaratti.

Continuano gli incontri con i candidati alle prossime consultazioni regionali 2018.

Stasera, alle 19, presso la biblioteca comunale “Francesco Berandinelli” sita nel complesso scolastico “G. Josa”, interverrà Gianluca Cefaratti candidato con la coalizione di centro destra con la lista Orgoglio Molise.

Share

Polisportiva Gambatesa- Frentania Serracapriola 3-2.

Ieri, 15 aprile, allo stadio “G. Venditti” di Gambatesa, si è tenuto il match tra la compagine gambatesana e quella della Frentania di Serracapriola (Fg), valida per la 28° giornata del massimo campionato molisano.

La prima frazione di gioco, si apre con il Gambatesa in attacco con Vinciguerra che conclude dal limite dell’area di rigore, ma la palla esce di poco a lato.

A questo punto, la squadra ospite, si porta in avanti, ed impensierisce Capobianco, che si salva con l’aiuto del palo.

Al 16′, il team fortorino, si porta in zona offensiva con Lomuscio, che su cross di Viglione, non inquadra la porta.

Al 30′, Vinciguerra, prova a portare in vantaggio l’undici fortorino, con una tiro dal limite, ma l’estremo difensore ospite respinge.

Sul finire del primo tempo, l’undici pugliese, passa in vantaggio con un colpo di testa derivante da calcio d’angolo.

Finiscono così, i primi quarantacinque minuti, sul punteggio di 1-0 in favore della Frentania.

Ripresa di gioco, che si apre con la squadra bianco-verde in fase offensiva, con cirenei che colpisce il palo esterno.

Al 60′, arriva il raddoppio per la squadra di Serracapriola, con una conclusione in area, su cui il portiere gambatesano non può nulla.

I ragazzi di mister Barrea, al 63′, riducono il passivo, portandosi sull’ 1-2, con un tiro di Vinciguerra.

Al 73′, l’undici gambatesano, riporta il risultato in parità, grazie ad un rigore, per atterramento di Tucci, battuto e segnato da Vinciguerra.

Al 77′, i ragazzi del presidente Conte passano in vantaggio e blindano il risultato, con un colpo di testa di Cirenei, su cross di Viglione.

Punti preziosi, per il gruppo di capitan Capobianco, ai fini della salvezza diretta, che domenica prossima affronterà la trasferta di Bojano, invece alla compagine serrana toccherà la partita in casa contro il Vulcania.

Share