Privacy Policy
 

Posts belonging to Category Festival della Canzone Molisana



Festival della canzone dialettale molisana: edizione numero 28

Ormai da anni il festival della canzone dialettale molisana è un’ evento di punta dell’estate gambatesana.

Dopo qualche anno di pausa, dal 2012, è tornato ad animare il nostro paese ed a “scoprire” talenti canori della nostra regione e non solo.

I brani che partecipano all’evento sono selezionati da una giuria composta da persone qualificate di spiccato spessore musicale.

L’edizione 2017 è la  numero 28, ma considerando gli anni pausa siamo arrivati alla quarantesima edizione, che si svolgerà dal 10 al 13 agosto in Piazza Vittorio Emanuele III a Gambatesa.

I premi della manifestazione sono così divisi:

1° classificato 2.500 euro

2° classificato 1.500 euro

3° classicato 1000 euro

Share

26° Festival della Canzone Dialettale Molisana: si comincia!

A Gambatesa fervono gli ultimi preparativi per dare avvio al Festival della Canzone Dialettale Molisana che quest’anno è articolato in quattro serate, considerando anche l’introduzione al Festival con l’esibizione del gruppo di musica popolare “Terra mia”.  La partecipazione di questo gruppo non è casuale. Infatti, l’intento futuro dell’organizzazione è quello di creare un’occasione di incontro tra diverse espressioni artistiche di forma dialettale tra le regioni limitrofe (Abruzzo, Puglia, Campania, Lazio) che, pur nelle loro peculiarità, presentano tratti linguistici e culturali comuni. L’evento promosso dalla Pro Loco ricopre una valenza ambientale, culturale e sociale di grande interesse, per questo gli organizzatori auspicano una perfetta riuscita dell’iniziativa. Il Festival vanta una storia lunga e piena di soddisfazioni. Sorto nel 1978 dispone di un Albo d’oro incredibilmente ricco di brani, un patrimonio non ancora valorizzato al meglio. Negli ultimi anni sono stati prodotti cd dei brani d’autore che affondano le radici nella cultura della tradizione popolare molisana e la creatività e l’originalità sono le caratteristiche dell’iniziativa.   Con questa iniziativa si realizza una competizione canora di brani dialettali, che ha finito per assumere nel corso degli anni, un significato profondo con risvolti sociali e culturali che  vanno al di là della semplice rappresentazione di piazza, alla ricerca continua delle proprie radici e al recupero di ciò che la realtà locale ha espresso in passato. Per l’Associazione Turistica Pro-Gambatesa, che promuove e organizza l’evento, la canzone dialettale è una forma d’arte profondamente radicata nella storia della cultura molisana che, pur nella diversità e ricchezza espressiva dialettale, originata in ogni singolo paese del Molise che lungo i secoli ha espresso una particolare linea musicale in sintonia con la propria sensibilità. Tutti credono in questo Festival, soprattutto chi vi partecipa direttamente, mettendosi in gioco e sottoponendo, con coraggio, a valutazione critica. Esso prevede varie tappe: una prima fase di valutazione da parte di una commissione tecnica dei brani pervenuti; una successiva selezione per le qualificazioni e una serata con le canzoni finaliste, tra le quali verrà decretata la vincitrice. Nello specifico La manifestazione si svolge, in Piazza Vittorio Emanuele di Gambatesa,   secondo il seguente programma: il 10 agosto ore 21,30 introduzione al Festival alla 26^ edizione ed esibizione del gruppo “Terra mia”; l’11 agosto ore 21, 30 si svolgerà la prima serata del Festival con esibizione di dieci canzoni ammesse e, a seguire, l’esibizione del gruppo musicale “Monforte” di Campobasso; il 12 agosto ore 21,30 si procede alla seconda serata del Festival con esibizione di altre dieci canzoni ammesse, mentre parte della serata sarà intrattenuta con pillole di Folklore e tradizioni; i 13 agosto é prevista la serata finale del Festival con esibizione delle canzoni finaliste e con la partecipazione straordinaria del gruppo “I Voria” , quindi, la premiazione dei vincitori.

 

Queste le canzoni in gara che si esibiranno in ordine cronologico:

11 agosto, dalle ore 21,30:

Titolo della canzone                                          artista                                                  provenienza

1)    Chiù mi vide e chiù ta strìgn              Franco Ianiri                                San Giuliano di Puglia

2)    Re lavature                                           Angelomaria  Di Tullio                         Pescopennataro

3)    A bella mulsanella                                     Nicola Di Criscio                                           Riccia

4)    Vurrìa                          A. e   R. Ricciardi,   M. Emanuele, T. Concordia           Campodipietra

5)    Meno male che Molise acque c’è  Le orme della Turzarìa – G. Bianchi   Campobasso

6)    U vente de magge                                               3ttnika                                                  Riccia

7)    Nu miragge pe ru luteme viagge       T . Concordia – A. Ricciardi                Campodipietra

8)    SgaJamusik                                       Bob 24  –  Antonello Moffa                                   Riccia

9)    A paure da crape           Unità di Produzione Antonio Mignogna                              Riccia

10)           P’nzier                                       Luigi Leodi  con Peppe Siracusa                        Montagano

12 agosto, dalle ore 21, 30:

Titolo della canzone                                            artista                                              provenienza

1)    Uagliò                                              Michele Peri – con Otre                    Rocchetta a Volturno

2)    Ru paese mi                                 Panta Rhei -   Franco Sacco                                 Bojano

3)    La Banca central                    Paolo de Socio – con Simone Sala                           Oratino

4)    Ess è                                                       Lucia De Gregorio                     San Martino in Pensilis

5)    A strada di cillucci                                 Franco Ianiri                           San Giuliano di Puglia

6)    Art e msctir                             Miaban    Colasurdo-Mastandrea            Morrone del Sannio

7)    Se “ndù sperchie da vite me remire”   Petacce de vrite  Antonio Mignogna          Riccia

8)    Libbere cumm u vent                     Officina S.L. di Antonello Moffa                         Riccia

9)    Ladri di Castelli                             Giuseppe Barrucco – A. Tancredi            San Martino in P.

10)           Quann’è troppe è troppe              Panta Rhei – Franco sacco                              Bojano

Programma

 

10 agosto 2015 ore 21,00 – introduzione alla 26° edizione del Festival

- presentazione ed esibizione del gruppo di musica

popolare “Terra mia”

 

11 agosto 2015 ore 21,00 – insediamento delle giurie

- esibizione delle canzoni ammesse

- esibizione del gruppo musicale “Polifonica Monforte”

 

12 agosto 2015 ore 21,00 – esibizione delle canzoni ammesse

- pillole di folklore e tradizioni

 

13 agosto 2015 ore 21,00 – esibizione delle canzoni finaliste

- esibizione del gruppo di musica popolare “I Voria”

- premiazione

 

* Nel corso delle serate si potranno riascoltare vecchie canzoni e rivedere immagini delle passate edizioni.

Share

25° Festival della Canzone Dialettale Molisana: tutte le puntate di Viaggio in Molise.

Complimenti a tutta la redazione di Viaggio in Molise, guidata da Giuseppe Carriera, per averci regalato ancora un grande reportage di questa splendida manifestazione.

Puntata 1

Puntata 2

 

Puntata 3


Puntata 4

 

Puntata 5

 Puntata 6

Share

25° Festival della Canzone Dialettale Molisana: lo scettro va a Larino, seguono Bojano e Morrone del Sannio.

Tempo di bilanci per il 25° Festival della Canzone Dialettale Molisana: la manifestazione raggiunge il quarto di secolo e si dimostra ancora una volta un formidabile contenitore di musica, culture e dialetti molisani, un patrimonio unico di tutto il Molise che Gambatesa continua a custodire gelosamente.

Due serate per quattordici brani inediti, in dialetto molisano, in gara a contendersi il montepremi di 5000 € messo in palio dalla Pro-Loco di Gambatesa.

A giudicare i brani in concorso e le esibizioni una giuria tecnica formata da sei membri tra i quali musicisti, giornalisti e coreografi, guidati dal presidente di giuria, Emanuele Raganato di Copertino (LE), giovane Compositore, arrangiatore, sassofonista, giornalista, organologo del saxofono, docente di saxofono presso il Liceo Musicale “Carlo Sigonio” di Modena. 

La vittoria del Festival è andata al brano “N’è cosa ‘bbone” composto ed interpretato dalla larinese Eleonora Moro e dal suo gruppo “Nanù Jarden“, alla prima partecipazione al Festival. Per loro premio di 2500 €.  Sonorità jazz associate a spunti folk hanno fatto da sfondo alla storia di un zingara larinese richiamata spesso dalla particolare vocalità della cantautrice che non ha mancato di mostrare importanti doti vocali.

Eleonora Moro - Foto by Mario Valente

Eleonora Moro – Foto by Mario Valente

 

Seconda piazza e premio di € 1500 per un altro gruppo esordiente al Festival, i “Panta Rhei” con il brano “Mazzmaurielle” che racconta in dialetto Bojanese le vicissitudini dello “spiritello dispettoso” onnipresente nella cultura popolare molisana.

Panta Rhei - Foto by Mario Valente

Panta Rhei – Foto by Mario Valente

Ancora a segno i Miaban di Morrone del Sannio che raggiungono la terza posizione (dopo aver conseguito il secondo posto lo scorso anno) con un brano originale e ben eseguito dal titolo “A voce di man“. Tema del brano sono le infinite possibilità di comunicazione che può esprimere la lingua dei segni, con la quale, Nicolina Eremita ha inscenato il brano durante l’esibizione. Per i Miaban premio di 1.000 €.

Gruppo Miaban - Foto by Mario Valente

Gruppo Miaban – Foto by Mario Valente

Altri premi sono stati assegnati dalla giuria, ed in particolare il premio della critica, assegnato a Giuseppe Barrucco di San Martino in Pensilis, con il brano “Prim o poi t scriv” che tratta il tema del distacco dalla famiglia dei giovani molisani costretti ad emigrare per lavoro. Il premio è stato assegnato dal giornalista e giurato Stefano Venditti.

Giuseppe Barrucco - Foto by Mario Valente

Giuseppe Barrucco – Foto by Mario Valente

Premio rivelazione a Tommaso Corvino, sedicenne gambatesano e la sua giovanissima band che hanno proposto il brano, scritto e musicato dallo stesso Corvino, dal titolo “Pens sul a te“.

Tommaso Corvino - Foto by Mario Valente

Tommaso Corvino – Foto by Mario Valente

La giuria ha assegnato a Nicola Di Criscio di Riccia il premio simpatia per aver particolarmente fatto divertire il pubblico con la sua canzone “A biciclett“.

 

Nicola Di Criscio - Foto By Mario Valente

Nicola Di Criscio – Foto By Mario Valente

Ora si pensa al futuro ed alla 26° edizione che si svolgerà ad Agosto del prossimo anno.

Share