Privacy Policy
 

“Per un Molise dove si vive meglio”: intervista all’avvocato Gianfederico Cecanese.

Avvocato Gianfederico CECANESE

 

Cari lettori, vi propongo l’intervista all’avvocato Gianfederico Cecanese, candidato, con Fratelli D’Italia, alle prossime consultazioni regionali in programma domenica 22 aprile.
Il professionista, da me contattato, ha cordialmente risposto ai miei quesiti, che riporto di seguito.

  • Avvocato Cecanese, qual è stata la motivazione per cui ha deciso di scendere in campo alle prossime elezioni regionali?

Ho deciso di candidarmi, perché non ho figli e quindi non ho interessi personali da perseguire, pertanto posso solo aiutare i molisani e fare qualcosa di positivo per il Molise.

  • Quali sono le proposte per far crescere la nostra regione?

Il mio programma, si fonda sullo sviluppo di quattro punti programmatici:
1. Sanità.
Il malato, dev’essere curato, guardando alla sanità del futuro e alle cellule staminali.
Quindi, al settore privato d’eccellenza, il finanziamento deve avere come oggetto lo svilluppo di protocolli capaci di offrire diagnosi certe, invece a quello pubblico, va assegnata la funzione di mettere in atto le cure.
2. Servizi.
Bisogna portare il Molise in Italia e in Europa.
Per fare questo, occorre un piano straordinario di manutenzione della rete stradale, da un lato: inoltre dall’altro, è necessario modificare la legge sull’editoria, in modo da renderla accessibile a tutti.
Implementando l’informazione, infatti, le ricchezze del nostro Molise, saranno conosciute in Italia e in Europa.
3. Sicurezza.
Un Molise sicuro, è un Molise dove circolano pochi immigrati.
Per questo motivo, serve fare un protocollo con cui si eviti la possibilità di far fare accattonaggio davanti ai luoghi di culto, davanti alle scuole e soprattutto dinnanzi ai negozi.
Non è possibile avere timore di aggressioni e di reati, quando si vanno a comprare beni primari.
4. Sociale.
In una regione che funzioni, ci deve essere lavoro.
Per questo, bisogna rilanciare le piccole e medie imprese, attraverso la defiscalizzazione per chi assume nuove unità lavorative.
Bisogna rendere esecutivi, nei prossimi sei mesi, i progetti per la costruzione di nuove infrastrutture.
Sociale, è infine, aiutare le persone “speciali”, attraverso la mappatura dei centri molisani  maggiori e tramite corsi di formazione che aiutino ad utilizzare le APP (applicazioni) a loro destinate.

Share

Pol. Gambatesa – Campodipietra 1 – 1.

 

Sabato 31 marzo, allo stadio “G. Venditti” di Gambatesa, sotto una pioggia battente, si è disputato l’incontro di calcio valido per la 26° giornata del massimo campionato molisano, tra il team casalingo e quello del Campodipietra.
La gara ha inizio con la compagine ospite, che conduce il gioco, ma a segnare la marcatura del vantaggio è quella di casa, con Cinquino, che sugli sviluppi di un calcio d’angolo, batte il portiere compopetrese.
Nonostante le numerose azioni di gioco in zona offensiva, il Campodipietra, non riesce a ristabilire la parità, chiudendo così la prima frazione di gioco in svantaggio.
Nei secondi quarantacinque minuti, i ragazzi campopetresi, aumentano la pressione in zona d’attacco e provano a segnare con una conclusione dalla lunga distanza, su cui Capobianco si fa trovare pronto ed intercetta la sfera.
Il forcing del team ospite, continua e lo stesso, prova a pareggiare con un tiro dalla distanza, ma l’estremo difensore di casa lo devia.
All’85’, l’undici ospite, trova il pareggio con un colpo di testa, da cross dalla sinistra, che trafigge Capobianco.
Si chiude così una contesa, che vede il rammarico da parte dei rossoblù campopetresi, per le molte azioni da goal non concretizzate.
Nel prossimo turno, i ragazzi del presidente Conte, giocheranno nell’anticipo del sabato in trasferta, alle ore 15.00, contro il Tre Pini Matese, invece il Campodipietra Calcio, sempre in anticipo, disputerà la partita casalinga contro il Vulcania.

Share