Privacy Policy
 

“L’eroe Maestro”, Storia dei 44 ufficiali che sfidarono i nazisti a Unterlüss:” Per non dimenticare le ripugnanze delle guerre”.

Maestro Gino Di Domenica

Si è svolta questa mattina la cerimonia celebrativo-convegnistica dal titolo  “Gino Di Domenica, l’eroe Maestro: storia dei 44 ufficiali che sfidarono i nazisti a Unterluss”.

All’avvenimento erano presenti il signor Michele Montagano: reduce ed ultimo sopravissuto degli eroi di Unterluss; Andrea Parodi: autore del libro”:Gli eroi di Unterluss. Storia dei 44 ufficiali che sfidarono i nazisti a Unterluss”; Roberto Colella: giornalista, esperto di geopolitica e scienze della difesa e della sicurezza; Pietro Scocca: moderatore convegno, le autorità polico-amministrative, civili, militari e religiose, le scolaresche del ciclo delle scuole medie dell’istituto Comprensivo di Sant’Elia a Pianisi e le tante persone accorse all’evento, che ha avuto svolgimento in tre tappe: la commemorazione al Monumento ai Caduti presente nella villa comunale del paese, l’intitolazione del parco giochi comunale, di Via del Lavatoio, al maestro Gino Di Domenica e il congresso nella sala convegni del castello “Di Capua”.

Il primo momento della giornata, ha visto, la celebrazione commemorativa all’opera scultorea dei defunti del secondo conflitto mondiale e la deposizione sulla stessa di una corona d’alloro,con l’alzabandiera da parte dell’esercito, dove si respiravano istanti di commozione e profondo patriottismo.

.La seconda circostanza della manifestazione è stata l’intestazione dell’area giochi municipale alla valorosa persona che è stata Gino Di Domenica, dove a prendere la parola è stato il Sindaco di Gambatesa Carmelina Genovese, che ha marcato il fatto che gli episodi i quali hanno visto soffrire e dare la vita per la libertà, devono servire soprattutto alle generazioni future, a  non dimenticare gli orrori della seconda guerra mondiale.

La terza situazione dell’evento è stata la tavola rotonda sugli accadimenti, che hanno segnato l’esistenza dei soldati italiani, impegnati nella seconda belligeranza mondiale, che si rifiutarono di sottoscrivere il consenso alla Repubblica Sociale Italiana (Repubblica di Salò), e furono internati nel campo di detenzione a Unterluss, divenendo internati militari italiani (IMI), con l’introduzione di Roberto Colella, giornalista ed esperto in tecniche di guerra, il quale ha spiegato come si svolgeva geograficamente la lotta ed ha contestualizzato territorialmente al Molise le ultime ostilità belliche, parlando di “fascismo rurale” e di “lotta alla sopravvivenza” per quanto riguarda la resistenza.

In seguito c’è stata la presentazione del volume, scritto da Andrea Parodi, dal titolo “Gli eroi di Unterluss. Storia dei 44 ufficiali che sfidarono i nazisti a Unterluss”, a cui si è ricollegata la testimonianza, molto toccante e colma di emozione, di Michele Montagano classe 1921 di Casacalenda, ultimo scampato, alle angherie tedesche, in quello spazio di ammassamento in Germania, che ha riportato ai presenti tutte le impressioni e i sentimenti vissuti in quel periodo.

Poi è stata la volta degli alunni, che  hanno posto domande molto interessanti ai relatori, suscitando molta attenzione nel pubblico presente.

L’iniziativa, è termita con i ringraziamenti all’amministazione comunale, alla cittadinanza di Gambatesa e a tutti gli intervenuti, da parte della famiglia del Maestro Di Domenica, per il riconoscimento e la considerazione data al proprio caro, la consegna da parte dell’ente comunale, di targhe ricordo ai conferenzieri ed un piccolo buffet.

 

 

 

 

 

 

Si ringraziano per le foto concesse, Marco Abiuso, Chiara Colledanchise e Luigi Passarelli.

Share