Privacy Policy
 

Molise protagonista a Parigi al 18° Congresso di scienze preistoriche e protostoriche.

Università Sorbona di Parigi

Una vetrina di assoluto prestigio, per la nostra regione, all’Università Sorbona di Parigi, al 18° congresso di scienze preistoriche e protostoriche, di scena fino al 9 giugno, a cui partecipano studiosi provenienti dal tutto il mondo, insieme ai colleghi molisani, che hanno portato a conoscenza le risultanze della missione archeologica italiana in Colombia .
La tavola rotonda che si sta tenendo in uno dei più importanti atenei al mondo, verte sul tema dell’adattamento e la sostenibilità delle società preistoriche e protostoriche e i cambiamenti climatici.
Il Molise è presente con tre siti: il Paleolitico di Isernia (datato 700.000 anni fa) dove è stato ritrovato il dente di bambino più antico d’Italia risalente a circa 600.000 anni fa, Guado San Nicola a Monteroduni (IS), datato tra  350.000 e 400.000 anni fa  e Grottareale a Rocchetta al Volturno (IS) (datato 40.000 anni fa), di grande interesse scientifico non solo per la nostra terra, ma anche per il centro-sud italia e la zona mediterranea.
Tra gli esaminatori molisani, oltre a Brunella Muttillo ed Ettore Rufo, figura anche il gambatesano Giuseppe Lembo, appartenente all’Università di Ferrara.
Ancora una volta (l’ennesima), un gambatesano che si caratterizza per le sue doti intellettuali e lavorative e incrementa il numero di gambatesani che si distiguono in regione, in Italia e nel mondo.

Share

Alfredo Alberico: “ Credere di più nei giovani”.

Il giornalista e vicecoordinatore di skysport.it
Alfredo Alberico

Alfredo Alberico, giornalista sportivo e vicecoordinatore di Skysport.it,  da me intervistato, ha risposto gentilmente ai  quesiti, che riporto di seguito.

  • Qual è, secondo Lei, il livello qualitativo del giornalismo in Molise?

Manca un ricambio generazionale.
Credo, si stia vivendo ancora una fase di stallo, di stagnazione, in cui non c’è stata un evoluzione delle figure professionali in questa regione.
Non c’è stata nemmeno una regolamentazione attenta, da parte della professione giornalistica, infatti, penso che tanti ragazzi, come me, sono stati costretti ad andare via, perchè qui, come diremmo noi, è difficile campare facendo questo mestiere.
C’è gente senza contratto oppure sottopagata, collaborazioni vere o fittizie.
Questo, è un problema che non riguarda solo il Molise, questo sia chiaro,  ma in un territorio piccolo come il nostro è una problematica che diventa ancora più importante.
Serve attenzione, da parte di tutto l’apparato che displina questo settore, affinchè ci sia maggior controllo e tutela verso i giornalisti.
Tanti colleghi della mia età, sono stati costretti a cambiare mestiere, che facevano con grande passione e speranza, questa speranza è stata tradita dalla disattenzione che c’è nel giornalismo molisano.
Sono convinto, che iniziative come la scuola di giornalismo di Roberto Colella, rappresenti una chance, quella che a molti è stata tolta; un modo per assondare il campo e vedere se c’è interesse, da parte dei giovani, a svolgere questa professione, non soltanto nell’ambito sportivo, ma in tanti altri.
Credo che sia stato un esperimento, fino a questo momento, riuscitissimo.

  • Come è cambiato il giornalismo nell’era di internet?

E’ cambiato tantissimo, proprio perchè c’è il web oggi.
E’ stato modificato il linguaggio e cambiato l’approccio dell’informazione, infatti, oggi internet influenza ciascun settore della comunicazione, che sia la carta stampata o la tv e la radio o la rete, nel senso che la rete continua a condizionare se stessa.
A questo proposito, mi vengono in mente componenti o derivazioni del web, come whatsapp, telegram o messanger, che hanno mutato il linguaggio di questa lingua globale.
Come dicevamo prima, quando vediamo un giornalista in  tv che parla di calcio mercato, notiamo che il suo sguardo non è rivolto più verso la telecamera, ma bensì verso il telefonino, proprio perchè le chat sono diventate fonti per scambio d’informazioni o di annunci.
Dove andremo a finire non lo può sapere nessuno.
Ci sono tante idee e come sempre possono essere buone o sbagliate, ma nessuno ha una precisa visione di cosa possa succedere in futuro.
C’è chi ha pronosticato, addirittura, la fine dell’impiego del giornalista, sostituito da altre figure, ma al momento ci siamo e aspettiamo di vedere quelli che saranno i cambiamenti.
La tecnologia, sicuramente, ha un impatto fortissimo su questa professione.

  • Secondo lei, come qual è l’approccio delle nuove generazioni verso il giornalismo sportivo?

Intorno a questo ambito c’è tanta curiosità.
Lo sport attira sempre tantissimo e tutti.
Al giorno d’oggi, ci piombano addosso tantissime informazioni, più di ieri.
Le push notification (messaggistica istantanea), dei vari siti e le app, sono uno strumento di divulgazione fortissimo dell’informazione sportiva.
In un contesto, non sempre sereno che ha attraversato negli ultimi anni il nostro Paese, forse lo sport è stato un baluardo di serenità e divertimento.

Share