Pol. Gambatesa: disfatta storica tra le mura amiche (1-6).
7 Settembre 2008
DON PEPPINO NOMINAT0 VICARIO GENERALE DELLA DIOCESI
8 Settembre 2008

DISFATTA TOTALE.

Dire che è iniziata male la nuova avventura del Gambatesa nel campionato di promozione è poco. Se una sconfitta con l’Ururi ci poteva anche stare, quello che è successo ieri al campo ha dell’incredibile. Genovese e soci hanno subito una battuta d’arresto non indifferente da aprte dell’Aurora Ururi che si è imposta a Gambatesa per 6-1. la sconfitta però brucia più sul piano del risultato che su quello tecnico, infatti al di là dei goal subiti qualche occasione è stata creata. L’arbitro poi ci ha messo del suo per far si che la sconfitta fosse più bruciante di quanto il risultato non lo sia già. Visto che questa era la prima partita non c’è da abbattersi più tanto visto che il campionato è lungo e sono sicuro che dopo la figuraccia di ieri i ragazzi si rimboccheranno le maniche e proseguiranno dritti per la strada che ci permetterà di mantenere la categoria anche quest’anno. Raccomando alla squadra di far si che una bruttissima gionata come quella di ieri non si ripeta mai più altrimenti la prossima volta non sarò così benevolo. Il commento della partita preferico evitarlo tanto il risultato parla da solo. Chiedo infine al calorosissimo pubblico di Gambatesa di continuare a seguire la squadra e ad incitare i ragazzi che ne hanno davvero tanto ma tanto bisogno. Ora bisogna stare tranquilli tanto sono sicuro che ci salveremo e anche presto.

G.G. 

2 Comments

  1. giodom ha detto:

    Gianluca ho l’impressione che manchi tu in questa formazione. Io la vedo molto diversamente anche perchè è mancata la preparazione e all’inizio è fondamentale. Mi sembra che sia una squadra allegrotta, poi ci si impegna quando magari è già troppo tardi. Allenamento, allenamento, correre, correre…Domenico

  2. lucadalex ha detto:

    Devo smentire!!
    Hanno fatto una buona preparazione….
    Rispetto all’anno scorso ho l’impressione che siamo molto più deboli a centrocampo e la mancanza di Colavita e Pontelandolfo si sente parecchio.

Lascia un commento